Il prelievo di avifauna acquatica nelle zoneumide della “zona lagunare e valliva” della Regione del Veneto
8,00 €
     
SINTESI
Le zone umide sono sempre più minacciate da siccità, desertificazione, bonifiche, trasformazioni antropiche e inquinamento, e la loro conservazione diventa impegno primario. Le valli da pesca sono tra i principali siti di sosta, alimentazione e svernamento di uccelli acquatici; hanno pressione antropica di norma limitata rispetto a zone umide circostanti dove, invece, gli acquatici possono risentire della pressione venatoria essendo sensibili al disturbo. Specie ad alimentazione preferibilmente “erbivora” (fischione o canapiglia) esigono molte ore di sosta continua per alimentarsi e tempi nettamente superiore a quelle più “granivore”. Conservare gli habitat con tecniche gestionali equiparabili a quelle delle aziende vallive può concorrere verso il bisogno primario, per l’avifauna mediterranea, di avere condizioni ottimali di nidificazione, sosta, svernamento e alimentazione. Solo così le restanti zone umide salmastre, quando non sottoposte ad altre forme di tutela, possono assumere quell’importanza faunistico—ambientale che avevano nel passato. Lo studio fornisce importanti riflessioni e proposte gestionali rivolte alla tutela delle risorse cinegetiche.

Massimo Benà, ingegnere, insegnante e libero professionista, è socio attivo del Wwf dal 1981, membro della Commissione Faunistico Venatoria della Provincia di Rovigo e del Direttivo dell’Ambito Territoriale Caccia 4A3 (Delta del Po). Socio dell’Associazione Faunisti Veneti e coautore de I grandi alberi della provincia di Rovigo (Regione Veneto, 1990), ha partecipato alle ricerche e alla stesura dell’Atlante degli uccelli nidificanti in provincia di Rovigo (Provincia di Rovigo, 2003).

Giampaolo Rallo, ambientalista esperto di zone umide, dal 1978 è impegato nella gestione venatoria in istituzioni provinciali di Venezia e nel Working Group of the Integrated Management of Coastal Wetlands della Cee (1988—1992). Autore di studi (Zone umide del Veneto, Guida natura Laguna Venezia, Valli venete e vallicoltura supporto biodiversità, The Vallicoltura: traditional fish—farming areas in Venice Lagoon, etc.) e coautore di Carta vocazioni faunistiche Veneto e Carta faunistico—venatoria Venezia, ha curato a Palazzo Grassi la mostra Laguna Conservazione di un Ecosistema. È docente presso l’Università degli Studi di Venezia “Cà Foscari”.
pagine: 100
formato: 21 x 29,7
ISBN: 978-88-548-0721-1
data pubblicazione: Settembre 2006
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto