La materia della mente
8,00 €
4,8 €
     
SINTESI
Il tentativo di individuare una “sede” fisica della mente ha origini antichissime, rintracciabili nella filosofia. Negli ultimi decenni, però, le neuroscienze ci stanno fornendo preziose informazioni sull’oggetto più misterioso e complicato dell’universo biologico: il cervello, la “materia” della mente.Tuttavia, anche seguendo un approccio “scientifico”, permane un profondo dissenso, probabilmente inconciliabile, fra dualismo e monismo, spiritualismo e materialismo; dietro ogni posizione teorica, infatti, anche scientifica, si cela una precisa scelta teoretica. Dal confronto–scontro fra due dei più autorevoli neuroscienziati (J.C. Eccles e G.M. Edelman) del secolo ormai trascorso emerge allora un dato: allo stato attuale delle ricerche, si può solo decidere se partire dalla biologia, dalla fisica quantistica o dall’informatica per indagare quell’enigma che chiamiamo, in modo ancora nebuloso, “mente”, senza pretendere di giungere, infine, ad una risposta definitiva. Emilia Barile (Molfetta, 1976) si è laureata in Filosofia presso l’Università di Bari ed è dottore di ricerca in Scienze cognitive presso l’Università di Siena. È membro della International Society of Cognitive Science e dell’AISC. Attualmente è Research Fellow presso l’Università di Osnabrueck (DE). Della stessa autrice è stato pubblicato per B. Mondadori il volume Dare corpo alla mente. La relazione mente/corpo alla luce delle emozioni e dell’esperienza del sentire.
pagine: 112
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-0606-1
data pubblicazione: Maggio 2007
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto