Mercanti scriventi
Sintassi e testualità di alcuni libri di famiglia fiorentini fra Tre e Quattrocento
18,00 €
10,8 €
     
SINTESI
Il volume analizza la lingua di quattro esemplari di libri di famiglia (o libri di ricordanze) scritti da mercanti fiorentini vissuti fra il XIV e il XV secolo. Si tratta di un genere testuale — quello del libro di famiglia — che ebbe una straordinaria fioritura in Italia (e in Toscana specialmente) fra Tre e Quattrocento, ma di cui solo nella seconda metà del Novecento sono state tracciate le coordinate storico-letterarie: solo ora, con questo studio, se ne mettono a fuoco anche le caratteristiche linguistiche. Il punto di vista qui adottato è quello dell’indagine della sintassi e della testualità di una tipologia di scrittura che da un lato risente del forte influsso modellizzante dei protocolli notarili in latino, dall’altro rivela una natura tendenzialmente occasionale, e dunque anche intrinsecamente compendiaria e poco progettata, tipica di testi che sono stati messi insieme con finalità essenzialmente pratiche e documentarie da scriventi interessati a un semplice uso funzionale della scrittura. Il libro non solo si sofferma, particolarmente a livello di microsintassi, su alcune peculiarità poco note del fiorentino tre-quattrocentesco, ma soprattutto cerca di fare luce su alcuni fenomeni di testualità ricorrenti legati alle caratteristiche informazionali e pragmatiche del libro di famiglia.
pagine: 284
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-0179-0
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
collana: Il “cannocchiale” dello storico: miti e ideologie | 15
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto