Evoluzione e limiti della meccanica delle murature attraverso l’analisi di dissesti esemplari
14,00 €
8,4 €
     
SINTESI
In che modo lo sviluppo delle conoscenze scientifiche ha contribuito nel corso dei secoli all’evoluzione delle architetture? Per lunghissimo tempo i costruttori concepirono e realizzarono le grandi opere — il Partenone, il Colosseo, la Cattedrale di Beauvais, il Duomo di Milano — con metodo empirico, attraverso l’intuito e l’esperienza. È solo alle soglie del Seicento che la scienza cominciò a mostrare interesse per la pratica edificatoria. La svolta vi fu con Galileo Galilei, la cui capacità di osservazione e intuizione permise di anticipare problemi e spiegazioni che avrebbero avuto conferma solo molto tempo dopo, con il lavoro di alcuni ingegneri francesi. Gli studi di Cauchy, Navier, Saint-Venant, sulla meccanica delle murature, consentirono il formarsi di quei principi e di quelle leggi che permettono oggi di interpretare il comportamento statico degli edifici monumentali, formulare una corretta diagnosi e conseguentemente redigere un buon progetto di restauro.
pagine: 208
formato: 21 x 21
ISBN: 978-88-548-0008-3
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
collana: Storia, consolidamento, restauro – Storia della meccanica | 1
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto