La diplomazia della Santa Sede e i governi nelle Filippine e a Guam
Dalla crisi dell'impero spagnolo alla nascita della superpotenza statunitense nel Pacifico dopo la guerra ispano-americana del 1898
30,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
La guerra del 1898 interruppe quattro secoli di dominio spagnolo nelle Filippine, a Guam, Cuba e Porto Rico, con l’inizio colà del colonialismo statunitense. Gli scopi della Santa Sede, in piena Questione romana, implicarono una mediazione pontificia, fallita, per scongiurare la guerra, svolta per mezzo di un influente prelato americano, John Ireland. A questa seguì la complessa opera dei primi tre delegati apostolici destinati a Manila. Durante le turbinose vicende della fine di un’epoca, un avvocato di New York, Amasa Thornton, mediante un probabile raggiro, si presentò al papa Leone XIII in supposta missione segreta per conto del Presidente americano, per trattare l’acquisto delle ricche terre ecclesiastiche delle Filippine, con l’assenso di potenti finanzieri, come J.P. Morgan. Attraverso le evidenze archivistiche vaticane, statunitensi, spagnole, britanniche, italiane e filippine, si è analizzata a fondo l’azione diplomatica della Santa Sede con i governi coinvolti nel cambio del 1898, la quale delineò, così, un profilo di Chiesa erede di una tradizione secolare, ancor oggi influente sulla vita politica e sociale nelle Filippine e a Guam.
pagine: 748
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-4075-8
data pubblicazione: Febbraio 2021
marchio editoriale: Aracne
editore:
collana: Thesaurus | 6
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto