Lev Šestov. Verso Gerusalemme
10,00 €
6,00 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Questo saggio si propone di essere una sintetica ma essenziale introduzione critica al tema centrale della speculazione di Lev Šestov (Kiev 1866 – Parigi 1938), ossia quello del rapporto tra il pensiero razionale e il pensiero esistenziale o religioso alla luce del problema del male. In un contesto editoriale che ha visto in Italia una vera e propria Šestov–Renaissance, con la pubblicazione, negli ultimi dieci anni, dell’intero corpus delle opere dell’autore, si intende fornire una guida introduttiva alla sua vita e alla sua opera, alla luce del suo rapporto critico con la filosofia razionale, della sua riscoperta di temi della filosofia e della mistica medioevale e della sua prossimità ad una certa visione del pensiero ebraico. Non sono omessi tuttavia dei rilievi critici che problematizzano alcuni nodi e scelte concettuali del filosofo russo–ebreo, al fine di sondarne nella sua esatta portata non solo il carattere eccentrico, critico e provocatorio, ma anche forse i limiti per l’etica e la filosofia della religione.
pagine: 116
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-3965-3
data pubblicazione: Febbraio 2021
marchio editoriale: Aracne
editore:
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto