La penna di Amerigo Dùmini
Articoli, lettere e memoriali di un italiano enigmatico
29,00 €
17,4 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
Accusato ingiustamente dalla storiografia di parte per aver commesso crimini efferati, Amerigo Dùmini fu in realtà un brillante giornalista e un vivace attivista politico, impegnato nel primo dopoguerra contro il bolscevismo dilagante. La sua piena adesione al fascismo non gli impedì di difendere con energia il patto di pacificazione con il socialismo, del quale condivideva la versione mazziniana anziché quella marxista. La svolta decisiva della sua vita avvenne con il sequestro di Giacomo Matteotti nel 1924, un’operazione infausta e tragicamente conclusa con un omicidio preterintenzionale. Da quel momento cominciò per lui un drammatico confronto con il fascismo che, dopo dieci anni fra carcere e confino, lo mandò in Libia per sbarazzarsene. Arrestato nel 1945 e condannato all’ergastolo nel 1947 per l’omicidio di Matteotti, Dùmini, soltanto negli ultimi dieci anni della sua vita, poté dedicarsi ai suoi figli che ne mantengono un vivo e profondo ricordo. Questo lavoro ripercorre e analizza, sine ira et studio, i suoi scritti che nell’arco di trentacinque anni contribuiscono a fornire un’importante chiave di lettura della sua vita avventurosa e della sua enigmatica personalità.
pagine: 444
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-2749-0
data pubblicazione: Ottobre 2019
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto