Una tempesta letteraria mette a soqquadro la Commedia di Dante e la cultura europea
12,00 €
7,2 €
D – Saggistica varia
     
SINTESI
Il saggio risponde al motivo per cui Dante non abbia mai denunciato apertamente il proprio maestro — il senese Cecco Angiolieri — dopo aver scoperto in lui un pluripeccatore e un falsario. Se l’avesse fatto, oggi non si avrebbe l’irrisolta questione omerica, né una letteratura umanistica nata all’improvviso dalle tenebre dei secoli bui, senza contare l’interpretazione secolare errata della Commedia. A Firenze, inoltre, si è dato un rilievo incauto al Dante minore, presunto autore di opere splendide a lui estranee, ma valide per accrescere la sua gloria oltre a quella della città.
pagine: 184
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-2563-2
ISSN: 2611-9498
data pubblicazione: Giugno 2019
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto