Eros, scrittura, politica
Gabriele D’Annunzio e Matilde Serao nella Roma umbertina (1881–1900)
15,00 €
9,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
L’età umbertina a Roma fu caratterizzata dalla presenza di Gabriele D’Annunzio e di Matilde Serao. I due scrittori si distinsero non solo per la loro attività giornalistica e letteraria, ma anche per la disinvoltura relazionale che ne favorì l’ascesa, anche attraverso il patronage di esponenti politici meridionali governativi. Sia D’Annunzio, con l’alta qualità delle sue prose e delle sue poesie, sia Serao, più modesta sotto il profilo letterario ma più determinata a capitalizzare le sue relazioni sociali, contribuirono con la loro opera alla diffusione di quel clima politico antiparlamentare che sfocerà, nel secondo decennio del Novecento, nella crisi dello Stato liberale.
pagine: 192
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-2322-5
data pubblicazione: Aprile 2019
marchio editoriale: Aracne
collana: Luscinia | 1
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto