L'opera dello straccione di Vito Pandolfi e il mito di Brecht nell'Italia fascista
25,00 €
15,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
L’opera dello straccione è uno spettacolo messo in scena da Vito Pandolfi al Teatro Argentina di Roma, nel febbraio del 1943, come saggio di diploma in regia all’Accademia d’Arte Drammatica. Formalmente un allestimento della Beggar’s Opera di John Gay, fu in realtà una personale versione dell’allora proibita Opera da tre soldi di Bertolt Brecht. Nonostante la risonanza che ebbe all’epoca, il lavoro venne poi pressoché ignorato dagli studi sulla ricezione di Brecht in Italia. Il volume ne ricostruisce il complesso tessuto di senso, per dimostrarne l’importanza e l’indiscutibile valore storico.
pagine: 440
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-1830-6
data pubblicazione: Novembre 2018
editore: Aracne
collana: Oggetti e soggetti | 64
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto