Astrologia e magia nella medicina dei secoli XV e XVI
30,00 €
18,00 €
Area 03 – Scienze chimiche
     
SINTESI
La vasta eredità magico–astrologica antica e medievale, le dottrine ermetiche filtrate attraverso le opere bizantine giunte in Italia con la caduta di Costantinopoli e il crescente interesse per la cabala ebraica, divulgatasi in Europa dopo la cacciata degli ebrei dalla Spagna, determinarono la diffusione di un particolare tipo di magia: la magia naturale, una scienza dotta che si differenziava nettamente dalla negromanzia, dall’esorcismo o dal volgare commercio con il diavolo. Il mago rinascimentale era colui che leggeva nelle stelle la storia umana, era il sapiente per eccellenza in grado di interpretare i segni del cielo intesi come messaggio divino. In questo clima di misteri e oscure dottrine filosofiche compare la figura del medico–mago affaccendato negli antri bui della sua officina, con filtri e alambicchi, alla ricerca del potere per guarire tutti i mali. Specialmente il ’500 fu un secolo di astrologi e alchimisti che ricercavano la pietra filosofale e il modo di produrre la materia vivente. Docenti di arti magiche sotto le spoglie di clerici vagantes, ma anche avventurieri, indovini e imbroglioni, percorrevano l’Europa da un capo all’altro vendendo oroscopi e vantando arcane conoscenze paranormali. Erano le contraddizioni dell’età della Riforma e della conquista del Nuovo Mondo, un’epoca in cui si cominciava ad avere una conoscenza sperimentale della natura, ma in cui si continuava anche a fare affidamento su quella “magia naturale” come unico strumento del dominio umano sulle forze occulte.
pagine: 236
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-1503-9
data pubblicazione: Maggio 2018
editore: Aracne
collana: Tradizione e innovazione, territorio e salute | 9
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto