Industrie creative, città, immaginari
Narrazioni ed effetti territoriali
15,00 €
9,00 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Cultura, creatività, innovazione: concetti attraverso cui si sviluppano le politiche urbane contemporanee, si compongono le agende di sviluppo economico, si (ri)costruiscono le strategie di branding territoriale destinate a turisti, investitori, nuovi residenti. Ma anche, sempre più spesso, etichette mediatiche abusate, condensate nei “mantra” della “Città Creativa” prima, della Smart City e della Startup City poi, che scandiscono i discorsi e le narrazioni istituzionali appigliandosi alla retorica della creatività e dell’innovazione per veicolare un immaginario urbano di vibrante fermento, in una gerarchia globale di città dai confini sempre più dilatati. Fondato sull’analisi delle dinamiche localizzative delle industrie culturali e creative e degli effetti socio–economici di cultura, creatività e innovazione, il volume non si limita a restituire un affresco quantitativo della loro diffusione sotto forma di imprese e lavoratori, ma mira a rileggerne criticamente la relazione con i territori. Senza per questo sminuirne l’innegabile valore di volani di crescita, l’obiettivo è soffermarsi sulle modalità attraverso cui l’apparato simbolico della creatività, sempre più nebuloso e riprodotto “in serie”, si intreccia con i processi innescati dal neoliberismo urbano e con le strategie di branding territoriale utilizzate dagli attori istituzionali per comporre uno storytelling sempre più accattivante di città e nazioni.
pagine: 196
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-0986-1
data pubblicazione: Luglio 2018
editore: Aracne
collana: Narrazioni geografiche del territorio | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto