Quasi sint civitates
Società, poteri e rappresentazioni nella Puglia di età moderna
22,00 €
13,2 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Quasi sint civitates: l’espressione evidenzia l’imbarazzo dei protagonisti delle vicende qui narrate di fronte a forme dell’insediamento che sfuggono alle classificazioni politiche e giuridiche prevalenti; un imbarazzo che è ampiamente presente ancora nella storiografia odierna. Nel volume l’ossessione classificatoria sulle città contadine pugliesi di età moderna è aggirata attraverso un’analisi puntuale delle forme sociali, delle dinamiche dei poteri e delle rappresentazioni del fenomeno “urbano”. L’opposizione fra l’Italia delle città, impiantata sull’esaltante esperienza comunale, e l’Italia delle agrotowns, che sorgono all’improvviso nelle nude terre feudali, appare del tutto inadeguata a dar conto della straordinaria densità e ricchezza dei fenomeni insediativi ben presenti in vaste aree dell’Europa mediterranea.
pagine: 388
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-0365-4
data pubblicazione: Ottobre 2017
editore: Aracne
collana: Oggetti e soggetti | 57
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto