Proiezione e rappresentazione
Una storia millenaria
25,00 €
15,00 €
Area 08 – Ingegneria civile e Architettura
     
SINTESI
Il libro approfondisce il complesso significato che il termine proiezione ha assunto nel corso della storia della rappresentazione occidentale. Partendo dall’etimo geometrico del termine viene fornito un excursus storico sul concetto legato alle diverse discipline del sapere, con particolare attenzione alla geometria, all’ottica, alla filosofia e alla religione. Tenendo presente che l’utilizzo del termine proiezione è stato antecedente ai primi trattati e compendi scientifici, grazie alle ricerche e alle scoperte di studiosi come Désargues, Monge e Poncelet, si giunge alla sua completa codificazione e a quel principio di identità tra proiezione e sezione che tutt’oggi ha delle applicazioni significative nell’arte. L’autore scopre e rileva analogie di approccio fra due mondi apparentemente distanti, quello dell’arte contemporanea e quello della geometria descrittiva e proiettiva, concentrandosi su alcune figure chiave che basano la loro produzione sull’uso della luce come mezzo creativo, sull’impiego di animazioni per generare l’evento performativo e sul coinvolgimento sensoriale e percettivo a esso connesso. Ottica e geometria, nelle seduzione proiettiva, rivivono e acquistano nuovi significati nelle opere di artisti come Turrell, McCall e Chan e nelle opere di artisti meno conosciuti, che hanno interpretato il concetto di proiezione, riaprendo il dibattito sull’intimo legame esistente tra oggetto e immagine.
pagine: 160
formato: 24 x 28
ISBN: 978-88-255-0285-5
data pubblicazione: Giugno 2017
editore: Aracne
collana: Storia dei metodi e delle forme di rappresentazione | 6
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto