Tra fronda e collaborazione
Magistrati nell’Italia occupata (1943-1945)
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
8 settembre 1943: l’armistizio siglato dall’Italia con le potenze alleate prelude allo sfacelo dell’esercito e alla dissoluzione dello stato. Gran parte del paese è occupata dalle truppe del Terzo Reich, a cui si affiancherà un risorto fascismo in veste repubblicana: la repubblica sociale italiana. Al centro–nord, la R.S.I. tenterà di ridare vita ad una compagine statale con tanto di governo, ministri, sottosegretari, prefetti, forze di polizia, amministratori locali e persino un esercito destinato, nelle intenzioni di Mussolini, a riscattare l’“onore” d’Italia.
E la giustizia? I magistrati italiani saranno chiamati a compiere scelte sofferte. Taluni collaboreranno, e nel dopoguerra dovranno discolparsi. Molti altri, invece, “resisteranno” in una forma non armata, intesa come rispetto delle leggi. Altri ancora, con coraggio, aderiranno alla Resistenza.
pagine: 292
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-0038-7
data pubblicazione: Febbraio 2017
editore: Aracne
collana: Storia del diritto e delle istituzioni | 16
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto