Incontro con le scuole
Vento di legalità
mercoledì, 14 novembre 2012 ore 9:00 - 13:00

Teatro Comunale Alba Radians
corso Giacomo Matteotti, 144
00041 Albano Laziale

Evento a cura di Caterina Viola.

Scuole partecipanti
Albano Laziale Istituto Professionale di Stato “N. Garrone” - Istituto “L. Murialdo” Liceo Classico/Scientifico
Liceo Classico “Ugo Foscolo”
Anzio Istituto Professionale di Stato per i servizi di enogastronomia e alberghiero “Marco Gavio Apicio”
Ardea Istituto Comprensivo “Ardea2”
Ariccia Centro di Formazione Professionale Padri Somaschi - Liceo Statale “J. Joyce”
Aprilia Istituto d’Istruzione Superiore “Carlo e Nello Rosselli”
Castel Gandolfo Istituto Comprensivo Castel Gandolfo
Ciampino Scuola Secondaria di primo grado Paritaria “San Paolo della Croce”
Fondi Istituto Tecnico Commerciale “Libero de’ Libero”
Genzano di Roma Liceo Scientifico “G. Vailati”
Lanuvio-Nemi Istituto Comprensivo Statale “Marianna Dionigi”
Marino Istituto Comprensivo “Antonio Vivaldi” - Istituto Comprensivo “Primo Levi”
Pomezia Istituto di istruzione superiore (Liceo classico-scientifico) “B. Pascal”
Velletri Liceo Scientifico “Ascanio Landi”
San Luca-Bovalino (RC) Istituto Comprensivo San Luca-Bovalino di San Luca

Intervengono
Pietro GRASSO, Procuratore Nazionale Antimafia
Ottavio SFERLAZZA, Procuratore Reggente della Procura di Reggio Calabria
Claudio LA CAMERA, Direttore del Museo della ndrangheta di Reggio Calabria
Francesco MONASTERO, Presidente del Tribunale di Velletri

Hanno collaborato
Antigone–Museo della ndrangheta. Associazione culturale di Reggio Calabria
Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. Presidio dei Castelli Romani
Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato
Associazione culturale Dia Lògos Castelli Romani
Confederazione Nazionale Misericordie d’Italia
Confraternita di Misericordia di Ariccia

MESSAGGI E RIFLESSIONI

Renato Schifani
Presidente del Senato della Repubblica

Gentile Signora Viola, la ringrazio sinceramente per l’invito ad intervenire, il prossimo 14 novembre, all’incontro “Vento di legalità”.
Concomitanti impegni non mi consentono di essere tra voi, ma sono lieto di inviare a lei e a quanti hanno profuso il loro impegno per la riuscita dell’evento un sincero pensiero di plauso. La vostra iniziativa riunisce di fronte a testimoni e promotori della cultura della legalità ragazzi provenienti da zone diverse, accomunandoli in una riflessione che sicuramente contribuirà a stimolare in loro una consapevolezza di cittadini, capaci di essere parte viva e attiva nell’affrontare la piaga delle mafie.
Nell’augurare pieno successo all’iniziativa, invio a lei e agli intervenuti un sentito ed affettuoso saluto.
Con viva cordialità

Anna Maria Cancellieri
Ministro dell’Interno

Sono particolarmente lieta di rivolgere agli organizzatori di questo incontro, ed in particolare alla Dott.ssa Caterina Viola che ne ha curato la realizzazione, un sincero "grazie".
Grazie per aver coinvolto dei giovani sul tema della legalità e sull'importanza di una costante ed incisiva azione di contrasto alla mafia da parte delle Istituzioni tutte, per fare squadra al fine di rafforzare la risposta corale nel contrasto di un fenomeno devastante per la collettività.
Sarebbe stato mio vivo desiderio assistere a tale significativa manifestazione, ma con mio sincero rammarico non ho potuto rinunciare ad un impegno assunto da tempo e dal quale non posso esimermi.
Nel formulare gli auguri più fervidi per la migliore riuscita dell'evento, invio a tutti i partecipanti ed addetti ai lavori, un caloroso saluto.

Raffaele Squitieri
Presidente Aggiunto della Corte dei conti

Ai partecipanti all’incontro “Vento di legalità”
Impossibilitato a partecipare personalmente, sono sinceramente lieto di portare il mio più caro saluto agli studenti delle scuole dei Castelli Romani e a tutti gli altri partecipanti al bell’evento organizzato dalla casa editrice Aracne.
Si tratta di un evento che può definirsi senza alcuna retorica “straordinario”, tenuto conto della eccezionalità e dell’importanza di una giornata di riflessione in cui tanti ragazzi e ragazze sono invitati a confrontarsi con un tema di assoluta attualità quale quello della legalità.
Quale magistrato della Corte dei conti, ma prima ancora quale cittadino ed uomo, sono fermamente convinto che la legalità non vada intesa come la attenta, peraltro mal sopportata, osservanza di regole limitative della nostra libertà personale, ma, al contrario, quale caposaldo della democrazia, suprema garanzia della convivenza civile e, quindi, della libertà.
Il compito di chi, come me e i miei colleghi, vigila sul corretto impiego delle risorse pubbliche è un dovere di grande responsabilità, che dobbiamo onorare – e cerchiamo di farlo – tenendo sempre vivo e presente l’esempio dei, purtroppo, tanti colleghi che hanno dato la vita perché il principio della legalità, fondamento delle libertà civili, non venisse meno.
Il principio di legalità, pur non affermato esplicitamente nella nostra Costituzione, ne costituisce il fondamento, in quanto ad esso va improntata l’attività dei gestori della cosa pubblica. Pertanto, soprattutto colui che ricopre un ruolo pubblico deve essere il primo a testimoniare, attraverso i propri comportamenti, di agire con correttezza, senso etico e trasparenza. Se si opera e ci si impegna per il rispetto rigoroso delle regole giuridiche, occorre anzitutto fornire agli altri la prova concreta della propria linearità, integrità e neutralità nell’espletamento delle proprie funzioni.
Ma questa linea è quella che tutti, come cittadini, dobbiamo seguire, ognuno nel proprio ambito e nella propria attività: non è sufficiente garantire professionalità nel proprio lavoro, occorre anche la determinazione ad impegnarsi a farlo “bene”, anche se può costarci quale sacrificio.
Ciò vale anche per voi, chiamati ad assolvere il vostro dovere di studenti con il massimo impegno e la massima serietà, e con la coscienza che la vostra preparazione, la vostra qualificazione costituirà un “valore aggiunto” non solo per la vostra persona, ma anche per il futuro del nostro Paese, che voi contribuirete a far crescere.
Noi adulti dobbiamo invece tenere sempre presente che senso del dovere, determinazione ad impegnarsi, spirito di sacrificio, eticità devono caratterizzare costantemente la nostra azione, in specie nell’attuale situazione, che vede il diffondersi in Italia di scandalosi sprechi e di malaffare, comportamenti che non nascono a caso, ma sono il frutto malato della mancanza del senso delle Istituzioni e, quindi, dell’inosservanza del principio di legalità.
Sulla base della mia esperienza di magistrato e di ex studente, vi invito a riflettere su quanto la correttezza, la credibilità, lo spirito di sacrificio ai quali ognuno di noi deve ispirare il proprio lavoro od il proprio impegno negli studi si rivelino fondamentali nel determinare un equilibrato, virtuoso sviluppo della vita sociale della nostra Nazione, che tutti vorremmo più corretta, più onesta, e, quindi, più giusta e più libera.

Luigi Ciampoli
Procuratore Generale Corte d’Appello di Roma

Ho ricevuto il Suo cortese invito per l’incontro del 14 novembre 2012 e sono dispiaciuto di non potervi partecipare in concomitanza di altri impegni istituzionali i quali tuttavia non mi impediscono di inviare alla organizzazione la mia piena condivisione sulla iniziativa, che pone in risalto, direi senza ombra di dubbio, la necessità primaria della nostra società.
Ai giovani che parteciperanno all’incontro mi permetto di suggerire il caldo invito a lasciarsi trasportare dal “vento di legalità”, divenendo essi stessi forza salvificatrice.
Le pur condivise delusioni, conseguenti la conoscenza, purtroppo quotidiana, di episodi di illegalità, non devono sopraffare l’entusiasmo caratteristico dei giovani affievolando la responsabilità di una scelta di un mondo migliore. Giovanni Paolo II in un discorso indirizzato ai giovani, ebbe s dire “Il futuro sarà come voi l’avrete scelto”.ùIn queste scelte anche noi adulti troveremo ragioni di maggior impegno, coinvolgimento e fiducia, consegnando ai giovani il testimone della vita.
Con un vivissimo augurio per tutti.

Gaetano Silvestri
Giudice della Corte costituzionale

Gentile Dr. Onorati,
ringrazio Lei ed i ragazzi che hanno organizzato l’incontro 14 novembre p.v. “Vento di Legalità” per l’invito a partecipare.
Purtroppo non potrò intervenire a causa di un impegno internazionale della Corte.
Auguro alla Vostra meritevole iniziativa il migliore successo.

Vincenzo Spadafora
Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza

Cari ragazzi e ragazze di tutte le età - come simpaticamente avete scelto di definirvi - mi dispiace non aver potuto accogliere il vostro invito a partecipare all’appuntamento di oggi, 14 novembre, per impegni precedentemente presi. Ma vorrei vi arrivino comunque il mio grazie e il mio apprezzamento per quanto state facendo.
Sono fondamentali questi momenti in cui riflettete, vi confrontate, prendete consapevolezza della società che volete, dei valori che dovrebbero contraddistinguerla, del tipo di relazioni che dovrebbero qualificarla.Il contrasto ala criminalità organizzata non può essere solo un’attività dello Stato che pure deve portarla avanti con determinazione, costanza e intelligenza - e oggi ne avete davanti degli autorevoli e credibili testimoni chesaluto cordialmente - ma richiede l’impegno anche di ciascuno di noi.
Certo la mancanza di prospettive, la povertà di risorse e la differenza di opportunità che ci sono ne nostro Paese possono essere un ulteriore ostacolo alla costruzione della nuova società che vogliamo. E, in effetti, la presenza dello Stato in certi territori non può essere fatta solo di presidi delle forze dell’ordine quando poi, per esempio, le scuole cadono a pezzi, com’è successo ai ragazzi di San Luca che finalmente, in questo anno scolastico, hanno una struttura un pò più degna.
Lo Stato deve fare molto di più per la formazione e la cultura, per offrire alternative affascinanti, convincenti e possibili per i suoi bambini e ragazzi.
Questa, però, è una battaglia che ci interpella tutti, a tutti i livelli. Lo Stato e noi adulti pre primi, ma insieme a voi, ragazzi: c’è bisogno di voi che questi percorsi di legalità li state intraprendendo e potete essere esempi ed educatori privilegiati per i vostri coetanei!
Le organizzazioni mafiose si fanno forza di inossidabili legami di relazione basati sulla sottomissione, la paura, la violenza, lo scambio.
Solo con un’arma uguale e contraria possiamo pensare di contrastarle: costruendo, nelle nostre comunità, altrettanto forti legami fondati sul rispetto reciproco, su onestà, gratuità, solidarietà e fiducia, sulla libera volontà di partecipazione ala vita sociale, anche dei ragazzi e delle ragazze.
Oggi siete venuti a conoscenza che esiste in Italia un’Autorità Garante che è nata per sostenervi e tutelarvi nei vostri diritti e nelle vostre aspirazioni.
Sappiateci con voi nele vostre sfide, conquiste e difficoltà quotidiane. Comunicatecele, scriveteci fino a che non riusciremo finalmente a dotarci di un sito web.
Saremo più forti insieme. Ma io sono convinto che nuovi venti di speranza soffiano già nelle vostre terre.

Domenico Rossi
Sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito

Cari ragazzi e ragazze, autorità, signori docenti, è per me un vero onore portare il saluto dell’esercito italiano e mio personale in occasione di un così significativo incontro di riflessione che, occupandosi di temi tanto complessi quanto vitali per la nostra società, costituisce una tappa significativa nel cammino di crescita civile dei giovani italiani.
I valori di legalità e giustizia che ispirano questo incontro sono gli stessi che guidano quotidianamente l’operato degli oltre 4.000 uomini e donne dell’esercito impiegati nell’operazione “strade sicure”, intrapresa anche per sottrarre alle organizzazioni criminali spazi e occasioni di penetrazione e di consolidamento nel tessuto sociale attraverso forme di delinquenza che umiliano la dignità di tanti onesti cittadini.
È quindi fondamentale che alla memoria del passato si unisca la piena consapevolezza del presente affinché le nuove generazioni possano far propria quell’eredità culturale e spirituale dei valori e principi che sono posti a fondamento della nostra carta costituzionale e dunque del nostro esercito, sempre piu’ impegnato in molte parti del mondo per la difesa della pace e dei diritti umani e che devono costituire riferimenti imprescindibili e condivisi per tutti i cittadini.
Con questi sentimenti, invio ai familiari delle vittime della criminalità organizzata, ai promotori della manifestazione ed a tutti i convenuti, un saluto commosso e partecipe nonché un fervido augurio per la migliore riuscita dell’evento.

Roberto Nordio
Comandante del Comando Forze da Combattimento, Aeronautica Militare

Ho particolarmente gradito l’invito all’incontro “Vento di legalità” che si svolgerà il prossimo 14 novembre ad Albano laziale.
Purtroppo, concomitanti ed improcrastinabili impegni istituzionali già assunti in precedenza mi impediranno di prendervi parte.
Sono certo che per il carattere di attualità dell’argomento proposto e per lo spessore intellettuale degli esperti che interverranno, l’evento non tradirà le grandi aspettative di successo.

Francesco Cirillo
Vice Direttore Generale della PS - Direttore Centrale della Polizia Criminale

Carissimo direttore,ho molto apprezzato l’invito a partecipare all’incontro “Vento di legalità” in programma domani,presso il teatro comunale di Albano Laziale.
Avrei sinceramente gradito essere presente per confrontarmi con gli studenti dei vari istituti scolastici che prenderanno parte all’evento, sull’importante tema della legalità.
Sono tuttavia profondamente rammaricato di dover comunicare che non potrò intervenire, in ragione di contestuali impegni istituzionali precedentemente assunti.
Credo, comunque, fermamente che iniziative come quella da voi organizzata siano particolarmente efficaci, giacché ritengo che solo con il pieno coinvolgimento delle nuove generazioni riusciremo a far soffiare davvero forte il “vento” della legalità.
Desidero, pertanto, far giungere a voi tutti l’augurio di buon lavoro e rivolgere ai giovani che domani saranno presenti all’incontro un invito a proseguire con determinazione nel cammino intrapreso.

Padre S.J. François-Xavier Dumortier
Rettore Pontificia Università Gregoriana

Gent.mo Dott. Gioacchino Onorati,
ho ricevuto il Suo gentile invito a partecipare all’evento Vento di legalità che Lei mi ha rivolto non solo a nome suo, ma delle ragazze e dei ragazzi delle 18 scuole che parteciperanno a questo incontro di riflessione e La ringrazio molto per questo invito.
Sono stato molto colpito da questo incontro che è veramente una bella iniziativa toccante. Sfortunatamente non posso venire e mi dispiace molto perché avrei voluto essere con Lei e con ragazzi per unire la mia voce alle vostre e mostrarvi con la mia presenza la mia vicinanza agli scopi di questo incontro. Ma assicuro tutti voi del mio sostegno e della mia amicizia.
Nel ringraziarLa ancora tanto per l’invito, colgo l’occasione di questa mia lettera per assicurarLa dei miei sentimenti religiosi.

Mons. Vincenzo Pelvi
L’Ordinario Militare per l’Italia

Ho ricevuto il Suo biglietto con il quale mi invita alla presentazione del libro di Caterina Viola “Vento di Legalità”, che avrà luogo il prossimo 14 novembre in Albano Laziale.
La ringrazio per la cortese e apprezzata attenzione che mi ha riservato, ma impegni pastorali nella stessa data, a Firenze per la predicazione degli esercizi spirituali ai Cappellani militari, non mi permettono di partecipare come avrei desiderato.
Colgo l’occasione per un cordiale saluto e per invocare su di Lei e sui partecipanti tutti, la feconda benedizione di Dio.

Alessandra Guidi
Capo della Segreteria del Ministro Anna Maria Cancellieri

Gentile Dr. Onorati,
desidero farLe giungere i più sentiti ringraziamenti del Signor Ministro per l’invito a partecipare all’incontro “Vento di legalità”, che si terrà il 14 novembre p.v. a Albano Laziale (RM).
Purtroppo, a causa impegni istituzionali precedentemente assunti, il Signor Ministro non può assicurare la sua presenza, ma desidera comunque far giungere a Lei e a tutti i convenuti, l’espressione della sua ideale partecipazione.

RASSEGNA STAMPA

http://www.museodellandrangheta.eu/
http://video.repubblica.it/dossier/trattativa-stato-mafia/piero-grasso-lo-stesso-esplosivo-per-le-stragi/110450/108834
http://www.comunediaprilia.gov.it/
http://www.castellinews.it/index.asp?id=25212&act=v
http://www.mnews.it/2012/11/vento-di-legalita-domani-14-novembre-il.html
http://latina.ciociarianotizie.it/9039/vento-di-legalitaaprilia-ha-partecipato-alla-manifestazione-nazionale-antimafia
http://www.volontariato.lazio.it/notiziari/dettaglio.asp?idcanale=14&idinfo=9084&idarg=
http://www.primolevimarino.it/CONCORSI/vento_legalita.htm
http://www.ilbenecomunenewsletter.it/home/1-ultime/1784-vice-presidente-della-regione-lazio-ciocchetti-udc-lotta-alla-criminalita-fondamentale-educare-le-coscienze.html


Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto