Stefano Ferrari
Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Dipartimento di Scienze Biomediche

Nato a Parma nel 1949, si è laureato in Lettere a Bologna nel 1972 con una tesi in Estetica, discussa con il prof. Luciano Anceschi.
Entrato nell'Università come assegnista ministeriale nel 1976, è diventato ricercatore di Estetica a tempo pieno nel 1980 presso il Dipartimento di Filosofia dell'Università di Bologna. Dall'a.a. 1991-92 ha tenuto l'incarico per supplenza dell'insegnamento di Psicologia delle arti/Psicologia dell'arte II, corso di laurea Dams, Facoltà di Lettere e Filosofia; dall'a.a. 1995-96 ha avuto inoltre l'incarico didattico di Psicologia dell'arte presso il corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali (sede di Ravenna) della medesima Università.
Dal 1998 è professore associato presso il Dipartimento delle Arti visive dell'Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. Insegna Psicologia dell'arte nei corsi di laurea Dams, Lettere e nella laurea magistrale di Arti Visive e nella Scuola di Specializzazione di Beni Storici Artistici. È segretario dell'International Association for Art and Psychology (http://www.artepsicologia.com/ ) e presidente della relativa Sezione emiliano-romagnola, che ha sede presso il Dipartimento delle Arti Visive di Bologna. Dal 2004 è responsabile del sito web "PsicoArt – La psicologia dell'arte a Bologna" (http://www.psicoart.unibo.it/). Dal 2010 è direttore responsabile e scientifico di "PsicoArt - Rivista on line di arte e psicologia": la rivista ospita e promuove studi e ricerche di carattere interdisciplinare, sia storico che metodologico, sulle diverse relazioni tra le arti, la letteratura, la psicologia e la psicoanalisi.
Dal 1 novembre 2010 Stefano Ferrari è direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Storici Artistici dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto