Nataša Raschi
Università degli Studi di Perugia
Dipartimento di Filosofia, Linguistica e Letterature
Sezione di Filosofa
sezione di Lingue

Dopo il conseguimento della Laurea (Università Cattolica di Milano) e del Dottorato in Letterature francofone (Università degli Studi di Bologna-Université Paris IV-Sorbonne), Nataša Raschi è ricercatore confermato di Lingua francese presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Perugia. Gli ambiti principali delle sue ricerche sono tre: la linguistica francese, soprattutto la variazione linguistica e il francese d'altrove (Langue française et presse africane (Aracne, 2010); il francese come lingua di specialità e in particolare il francese della matematica, di cui questo libro è un primo risultato; le letterature francofone, privilegiando l'analisi del teatro della Costa d'Avorio (Quand le tronc se fait caïman. Drammaturgie di Costa D'Avorio, Bulzoni, 2002). Ha inoltre pubblicato saggi su Bernard Dadié, Werewere Liking, Charles Nokan e Bernard Zadi Zaourou. Ha tradotto Zadi Zaourou (Il Segreto degli Dei, La Rosa, 1999 e Teatro e poesia in Costa d'Avorio, L'Harmattan Italia, 2002), Werewere Liking (Parlare cantando, L'Harmattan Italia, 2003 e Medea i rischi di una certa reputazione, Stampatori, 2006) e Olivier Clément (Memorie di speranza, Jaca Book, 2006).
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto