Mauro Sarnelli
Roma, 10/06/1965
Università degli Studi di Sassari
Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione

Mauro Sarnelli si è laureato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Roma «La Sapienza» con il prof. Mario Costanzo Beccaria, ed ha svolto il Dottorato di Ricerca presso l'Università degli Studi di Roma Tre con i proff. Maria Teresa Acquaro Graziosi e Marco Ariani. Attualmente è professore associato confermato di Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Sassari. Nel corso dei suoi studî, ha applicato una formazione filologico-classica al campo della letteratura italiana, nel suo doppio versante latino e volgare, con particolare riguardo ai rapporti fra questa e le letterature greca e latina, aprendosi anche alle interazioni con altre forme artistiche, quali il teatro, la musica ed il cinema. Si è interessato di numerosi autori e generi storico-letterari, in un arco cronologico che va dalla biografia medioevale al primo Novecento, annoverando lavori sul Petrarca ed il Boccaccio; la storiografia umanistica; la letteratura cinque-secentesca (scandagliata in vari àmbiti, come la tragedia, la tragicommedia, la trattatistica, la storiografia, le raccolte poetiche e quelle biografiche, il poema eroicomico, la poesia ebraico-italiana, l'oratorio), mettendone anche in luce le relazioni con l'età dell'Arcadia; l'erudizione settecentesca (Gravina e Quadrio); la librettistica sette-ottocentesca; Monti; Gozzano. Collaboratore di riviste specializzate quali «La Rassegna della Letteratura Italiana», «Studi Secenteschi», «Sigma», «Studi Veneziani», ha partecipato a numerosi Convegni nazionali ed internazionali, ed ha svolto attività di insegnamento e di collaborazione presso Istituti esteri (Repubblica Argentina, Egitto), e di diffusione della cultura italiana agli stranieri.
Fra le sue pubblicazioni, si ricordano le edizioni della tragedia «Cleopatra» di Giovanni Delfino (1994), e della sceneggiatura del «San Francesco» di Guido Gozzano, con altri scritti dell'autore sul misticismo, il cinema e la fotografia (1996); le edizioni critiche dell'epistolario tra il Delfino e Ciro di Pers (1996), e della tragedia latina «Hermenegildus» di Emanuele Tesauro (1997); i volumi «'Col discreto pennel d'alta eloquenza'. 'Meraviglioso' e Classico nella tragedia (e tragicommedia) italiana del Cinque-Seicento» (1999), e «Biografia: genesi e strutture», da lui curato (2003); la Nota filologica ed il commento a «Nuove Rime scelte» del Delfino (1999); e studî filologico-critici su Gozzano (1995), sui dialoghi filosofico-scientifici del Delfino (1995), sulla tragedia e tragicommedia (1995, 2001 e 2002), sui «genera mixta» (2001) e sulla biografia del Cinque-Seicento (1998 e 2001), sull'oratorio del Sei-Settecento (2002), sulla produzione storiografica e biografica del Petrarca e del Boccaccio (2003), sulla storiografia umanistica (2003 e 2004), sulla cultura ebraica a Venezia nel primo Seicento (2004), sul «Mahomet» di Voltaire ed il melodramma del primo Ottocento (2005), sulla «Prosopopea di Pericle» di Vincenzo Monti (2006), sull'«Hippanda» di Giovan Battista Albéri (2007), sull'ambiente del Tasso a Roma, con documenti inediti (2007), su Francesco Saverio Quadrio, Gian Vincenzo Gravina e l'Accademia dell'Arcadia (2008, 2009 e 2010), sui «Santi Innocenti» di Malatesta Porta (2009), sulla «Reina di Scozia» di Federico Della Valle (2010), e su Arcangelo Spagna (2011).
Dal 20 ottobre 2006 è Socio Corrispondente dell'Accademia dell'Arcadia.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto