Giacomo Rinaldi
Bergamo, 25/07/1954
Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”
Dipartimento di Economia, Società, Politica (DESP)

Giacomo Rinaldi, nato a Bergamo nel 1954, è professore di Filosofia morale e di Filosofia teoretica presso l’Università di Urbino. In numerosi scritti, apparsi in Italia ma anche in Germania e negli Stati Uniti, ha affrontato i fondamentali problemi della filosofia in una prospettiva teoretico-sistematica fortemente influenzata dal pensiero speculativo di Hegel e dai suoi sviluppi nell’idealismo italiano e nell’idealismo anglosassone. Opere principali: Critica della gnoseologia fenomenologica (Giannini, Napoli 1979), Dalla dialettica della materia alla dialettica dell’Idea. Critica del materialismo storico (S.E.N., Napoli 1981), A History and Interpretation of the Logic of Hegel (The Edwin Mellen Press, Lewiston, N. Y. 1992), Dialettica, arte e società. Saggio su Th.W. Adorno (Urbino, Quattro Venti 1994), L’idealismo italiano tra filosofia speculativa e concezione del mondo (Urbino, Quattro Venti 1998), Teoria etica (Trieste, Edizioni Goliardiche 2004), Ragione e Verità. Filosofia della religione e metafisica dell’essere (Roma, Aracne Editrice 2010), Absoluter Idealismus und zeitgenössische Philosophie. Studien zu Hegel und dem Hegelianismus (Frankfurt a. M., Peter Lang, in preparazione). In collaborazione col Dipartimento di studi su società, politica e istituzioni dell’Università di Urbino ha organizzato il Congresso internazionale Il pensiero di Hegel nell’Età della globalizzazione (Urbino, 3–5 giugno 2010), i cui Atti sono attualmente in corso di pubblicazione a Roma presso la Casa editrice Aracne. Dal 1985 è membro della Hegel Society of America e di altre società accademiche internazionali, e dal 1994 tiene regolarmente seminari e conferenze presso le più note Università europee ed americane.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto