Paolo Mauriello
Università degli Studi del Molise
Dipartimento di Bioscienze e Territorio

Il 17 marzo 1994 ha conseguito il diploma di laurea in Fisica presso l’Università di Napoli “Federico II” con voto 110/110 e lode, discutendo una tesi dal titolo Studio della dispersione in frequenza della resistività elettrica nella indagine magnetotellurica su strutture crostali bidimensionali, relatore il Prof. Domenico Patella.
– Il 27 maggio 1998 ha ricevuto il titolo di Dottore di Ricerca, Dottorato di Ricerca in Geofisica e Vulcanologia presso l’Università di Napoli “Federico II”; il titolo della tesi è Tomografia elettromagnetica.
– Dal 24 dicembre 2001 è stato Primo Ricercatore Geofisico presso l’Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali del CNR di Roma.
– Dal 1° novembre 2002 è Professore ordinario di Geofisica Applicata presso l’Università degli Studi del Molise, prima presso il Centro di Servizi di Ateneo “G.A. Colozza” e, dall’anno accademico 2003-2004, presso la Facoltà di Scienze Umane e Sociali. Afferisce al Dipartimento di Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio.
– Dall’anno accademico 2003-2004 ad oggi è Presidente del Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali e Ambientali, Facoltà di Scienze Umane e Sociali.
– Presidente del corso di laurea in Scienze dei Beni Culturali ed Ambientali e della laurea Specialistica in Scienze dei Beni Archeologici ed Artistici fino a novembre2009.
– Membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi del Molise fino al 2008.
– Dal 2008 al novembre 2009 componente del Nucleo di Valutazione dell’Università degli Studi del Molise.
– Da novembre 2009 preside della Facoltà di Scienze Umane e Sociali.

I temi di ricerca riguardano principalmente lo sviluppo e l’applicazione della tomografia di probabilità in studi geofisici sia di vulcanologia che di near-surface, con particolare riferimento ai problemi archeologici. Una parte rilevante dell’attività ha riguardato lo sviluppo di prototipi di strumentazioni elettromagnetiche portatili per i beni culturali e di algoritmi di elaborazione 3D dei dati geoelettrici ed elettromagnetici.

Tra le principali collaborazioni:
– Dipartimento di Scienze Fisiche dell'Università Federico II di Napoli
– Dipartimento di Studio delle componenti culturali del territorio della Seconda Università degli Studi di Napoli
– Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali del CNR di Roma
– Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Molise
– Soprintendenza per i Beni Culturali della Regione Valle d'Aosta
– Soprintendenza Archeologica di Salerno, Benevento, Caserta ed Avellino
– Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana
– Associazione Archeologica del Medio Val D’Arno
– Southern Methodist University di Dallas
– Nicosia Master Plan di Cipro
– Department of Antiquity of Jordan.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto