Adriano Papo
Trieste, 16/07/1948

Associazione culturale italoungherese “Pier Paolo Vergerio”

Adriano Papo si laureato in Ingegneria chimica e in Storia presso l’Università di Trieste, ha conseguito il dottorato (PhD) in Scienze storiche presso l’Università di Szeged. Già professore presso l’Università degli Studi di Udine, è membro estero dell’Accademia Ungherese delle Scienze, della Società Ungherese di Storia e della Società Internazionale di Studi Ungheresi. Ha collaborato e collabora tuttora con numerose istituzioni e associazioni culturali italiane ed estere. Ha tenuto lezioni e conferenze, organizzato diversi eventi culturali, partecipato a convegni e tavole rotonde, pubblicato numerosi lavori (articoli, monografie e curatele) su temi riguardanti le relazioni storiche italoungheresi. Tra le sue monografie: Ludovico Gritti. Un principe-mercante del Rinascimento tra Venezia, i Turchi e la Corona d’Ungheria (Edizioni della Laguna 2002); Giorgio Martinuzzi. Figura e ruolo di un monaco–statista dalmata nella storia ungherese del Cinquecento (Savaria University Press 2011); L’Ungheria contemporanea (Carocci 2008). Tra le sue curatele: Chi era János Kádár? (Carocci 2012). Ha fondato l’Associazione Culturale Italoungherese «Pier Paolo Vergerio», di cui è presidente, e il Centro Studi Adria-Danubia; ha fondato e dirige i periodici «Quaderni Vergeriani», «Studia historica adriatica ac danubiana» e «Adria–Danubia». Ha ricevuto nel 2001 il Premio Internazionale di Saggistica «Salvatore Valitutti» per l’opera prima Storia e cultura dell’Ungheria (Rubbettino 2000). Nel 2014 è stato insignito da parte della Repubblica d’Ungheria della Medaglia d’Onore «Pro Cultura Hungarica».
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto