Alessio Zaccaria
Ferrara, 02/06/1955
Consiglio Superiore della Magistratura
Dipartimento di Scienze Giuridiche
Terza Commissione - Commissione per i trasferimenti

Laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Ferrara il 28 febbraio 1979 (con il massimo dei voti e la lode) discutendo una tesi sulla pubblicità del regime patrimoniale della famiglia, relatore il Prof. Giorgio Cian; è stato ricercatore di Diritto civile presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Ferrara dal 1982 al 1990. Dal 1990 al 1993 è stato titolare della Cattedra di Istituzioni di Diritto privato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trieste, nella veste di Professore straordinario. Dal 1993 al 1995 è stato titolare della Cattedra di Diritto civile presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Ferrara, nella veste di Professore ordinario. Nell’anno accademico 1995-1996, sempre nella veste di Professore ordinario, è stato titolare della Cattedra di Istituzioni di Diritto privato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Verona. È divenuto quindi titolare, presso la medesima Facoltà, della Cattedra di Diritto civile, che ancora oggi ricopre. Nell’anno accademico 2003-2004 è stato Preside della Facoltà. Nel 1996 è stato invitato a tenere la prolusione per l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università. Dal 1997 è direttore, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Verona, del Centro per la Ricerca e l’Insegnamento del Diritto Privato Europeo, già finanziato dalla Commissione Europea nel quadro del Progetto “Robert Schuman”. È stato coordinatore fino al 2011 del Dottorato di ricerca internazionale in Diritto privato europeo dei rapporti patrimoniali civili e commerciali, consorziato fra le Università di Verona, Trieste, Teramo Parma e Regensburg, da lui promosso nel 1997.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto