Fausto Pellecchia
Aquino, 28/07/1950
Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale
Dipartimento di Scienza e Società

Fausto Pellecchia è professore associato confermato in Filosofia teoretica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino, ove ricopre l’insegnamento di Ermeneutica filosofica e di Filosofia del linguaggio nel corso di laurea magistrale in “Storia e analisi delle idee filosofiche”, del quale è altresì Presidente. Da alcuni anni, ricopre per affidamento l’insegnamento di teoria dei linguaggi nel corso di laurea in Scienze della comunicazione. Ha svolto ricerche presso la Philosophische Fakultaet della Freie Universitaet di Berlino e presso l’Ecole Normale di Parigi. È stato membro della redazione della Rivista “Filosofia e Teologia” e collabora a numerose riviste filosofiche (“Il Paradosso”, “Il cannocchiale”). È membro del collegio della Scuola psicoanalitica “Praxis” di Roma affiliata alla Scuola internazionale del Campo lacaniano (FCL). Presiede il comitato di redazione delle edizioni on line “Idesteditore”. Dal 2001 è direttore di una Scuola estiva di Studi filosofici presso l’Università degli Studi di Cassino in collaborazione con l’Istituto italiano di studi filosofici di Napoli. Gli ambiti della sua ricerca attuale, che possono essere ricondotti al tema complessivo del progetto presentato, concernono il problema etico-religioso nel pensiero di Spinoza e le sue riprese nella filosofia del ‘900. In questo contesto, ha organizzato, in collaborazione con il prof. Clericuzio, presso l’Università degli Studi di Cassino, un seminario di studi su “Natura e Metafisica nel pensiero di Leibniz” in cui ha presentato una relazione su “L’eredità di Leibniz nel Tractatus di Wittgenstein” (3 dicembre 2008), ha organizzato un colloquio con il prof. Francesco Piro dell’Università di Salerno (5 marzo 2009), sul tema “I regni della Natura e della Grazia nel pensiero di Leibniz”; un colloquio con il prof. Vicente Sanfelix dell’Università di Valencia (20 maggio 2009) un sul tema “Sentire l’indicibile nel Tractatus di Wittgenstein”.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto