Gaetano Armao
Palermo, 14/01/1962
Università degli Studi di Palermo
Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali - DEMS

Gaetano Armao si è laureato in giurisprudenza con lode nell’Università di Palermo (1985), specializzato in diritto dell’intermediazione finanziaria nell’Università di Ferrara (1988), ha frequentato il dottorato in diritto pubblico comunitario ed interno nell’Università di Palermo. Ricercatore di diritto amministrativo presso la facoltà di Scienze politiche nell’Università di Palermo e visiting scholar presso l’Institute of Advanced legal studies di Londra (1993). Dal 1996 insegna diritto amministrativo e contabilità pubblica nell’Università di Palermo, fellow della Society of Advanced legal studies-University of London. Avvocato cassazionista, è stato esperto del Consiglio d’Europa e consulente della Commissione Parlamentare antimafia, nonché del governo nazionale e di quello regionale siciliano. È stato Vicepresidente della Fondazione Teatro Massimo di Palermo (2002-05) ed Assessore ai Beni culturali (2010) ed all’Economia (sino al 2012) della Regione siciliana, partecipando alla Conferenza delle Regioni, alla Conferenza Stato-Regioni, al CIPE ed al Consiglio dei Ministri in rappresentanza di quest’ultima. Componente della Comitato dei garanti per i 150 anni dell’Unità d’Italia, è stato chiamato a far parte della Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica. Ha pubblicato oltre ottanta contributi in materia di diritto amministrativo, regionale e dei contratti pubblici; tra i lavori monografici più recenti L’Ordinamento giuridico delle fondazioni lirico-sinfoniche, Torino, 2008; La retribuzione collegata al risultato nel settore pubblico: soluzioni legislative ed ipotesi di percorsi amministrativi, Palermo, 2008; L’attuazione dell’autonomia differenziata della Regione siciliana, Napoli, 2013.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto