Ida Porfido
Santeramo in Colle, 19/06/1964
Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”
Dipartimento di Lettere, Lingue, Arti. Italianistica e Culture comparate

Ida Porfido è ricercatrice confermata di Letteratura francese presso l’Università di Bari. Ha pubblicato articoli sulla follia in Rabelais, sulla stampa rivoluzionaria francese nella seconda metà dell’Ottocento, sul mito di Don Giovanni in Baudelaire, sull’immaginario decadente nei romanzi di Mirbeau, sul duello letterario tra Sainte–Beuve e Balzac, sulle commistioni tra discorso sociopolitico e generi letterari nell’opera di Vallès. Membro del GREC (Groupe de Recherche sur l’Extrême contemporain), da qualche anno si interessa in maniera specifica sia all’attualità narrativa francese, sia alle problematiche inerenti alla traduzione letteraria.

Tra le pubbicazioni più recenti: La traduzione: una questione di stile, Lecce, Pensa MultiMedia, 2016; traduzione Sexistence di Jean-Luc Nancy, in Jean-Luc Nancy, Del sesso, Napoli, Cronopio, 2016; traduzione L'ingordo di Maryline Desbiolles, Bari, Quorum Edizioni, 2016; Un livre blanc de Philippe Vasset ou le silence des cartes, in “RIEF - Revue Italienne d'Études Françaises”, 5, dicembre 2015; Variazioni sul tema della prigionia: La Captive di Chantal Akerman, in «Post filosofie. Rivista di pratiche filosofiche e di scienze umane», 8, gennaio 2015.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto