Nicola Madìa
Roma, 13/01/1975

Titta Madìa
Studio di consulenza legale

Nicola Madìa è nato a Roma il 13. 01. 1975.
Il 3 Maggio 1999 ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Roma " La Sapienza" con la votazione di 110 e Lode, discutendo la tesi di Laurea in Diritto penale dal titolo " Il delitto di false comunicazioni sociali" di cui è stato relatore il Prof. Franco Coppi.
Per quanto concerne la sua attività professionale, Nicola Madìa, a seguito del conseguimento nel 1999 della borsa di studio " Leonardo Da Vinci", erogata dall'Università di Roma " La Sapienza", ha soggiornato da Gennaio a Maggio 2000 a Londra dove ha effettuato un periodo di pratica nello studio legale "Pritchard Joyce and Hinds Solicitors".
Dal 10 Ottobre 2002 è iscritto all'Albo degli Avvocati di Roma dove svolge regolarmente l'attività professionale.
Per quanto riguarda la sua attività universitaria, Nicola Madìa, nell'Ottobre del 2000, ha iniziato a collaborare, in qualità di cultore della materia, con l'Istituto di Diritto penale dell'Università degli Studi di Roma " La Sapienza", presso la cattedra del Prof. Franco Coppi.
Il 18 Marzo 2004 ha conseguito il diploma di specializzazione presso la scuola di diritto e procedura penale dell'Università degli Studi di Roma " La Sapienza" con la votazione di 70/70, discutendo la tesi di specializzazione dal titolo " Il delitto di malversazione a danno dello Stato".
Il 19 Settembre 2007 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Diritto e Procedura penale presso l'Università degli Studi di Roma " La Sapienza" con dissertazione finale dal titolo: " Condotta ed evento nei reati a forma vincolata. Alla ricerca del Tatbestand nei casi problematici". Il giudizio della Commissione è stato il seguente: " Le ricerche oggetto della tesi sono originali, frutto d'uno sforzo critico e ricostruttivo di particolare interesse. Nel colloquio il candidato ha dimostrato piena conoscenza delle problematiche trattate. La Commissione, unanime, giudica positivamente il lavoro svolto e propone per il suddetto al Magnifico Rettore il conferimento del titolo di Dottore di Ricerca".
Nell'anno accademico 2010- 2011 ha svolto un incarico di docenza conferitogli dalla Facoltà di scienze politiche dell'Università degli studi di Firenze per la tenuta del corso di Diritto penale per gli studenti della L.T. in Operatori della sicurezza sociale (in convenzione con l'Arma dei Carabinieri) presso la scuola marescialli di Velletri;
Dall'anno 2012 ha iniziato a collaborare con la cattedra di Diritto penale dell'economia del Prof. Roberto Rampioni presso l'Università di Roma " Tor Vergata".

Pubblicazioni:
"La tutela penale della libertà di concorrenza nelle gare pubbliche", Jovene, 2012;
"Prevedibilità ed evitabilità dell'evento nei processi tecnologicamente complessi", in AA.VV., Responsabilità individuale e responsabilità degli enti negli infortuni sul lavoro, a cura di F. Compagna, Jovene, 2012, p. 197;
Nell'opera collettanea a cura di Lucia Gizzi dal titolo "Giurisprudenza penale. Parte Generale". " Raccolta ragionata delle più attuali questioni esaminate in giurisprudenza", Neldiritto Editore, 2012, ha curato le seguenti parti: "L'agente provocatore", p. 345; "Il dolo", p. 363; "Il delitto preterintenzionale", p. 391; "Il delitto tentato", p. 515; "Le circostanze attenuanti generiche", p. 545; "Il giudizio di bilanciamento tra le circostanze", p. 563; " Il concorso esterno nei reati associativi", p. 603;
"Note sugli aspetti caratteristici del delitto di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente di cui al nuovo art. 353- bis c.p.", in AA.VV., Studi in onore di Franco Coppi, Giappichelli, 2011, vol. I, p. 499;
"L'incidenza della mancata pubblicazione del bando di gara sulla configurabilità del delitto di turbata libertà degli incanti", in Cass. pen., 2010, n. 5, 1780;
Commento agli articoli del codice penale da 62- bis a 70, in Codice penale. Rassegna di giurisprudenza e di dottrina, Vol. III, a cura di Giorgio Lattanzi- Ernesto Lupo, Coordinato da M. Gambardella, Giuffré, 2010, p. 147;
Recensione al Corso di diritto penale dell'impresa, Cedam, 2010, a cura del Prof. Adelmo Manna, in Ind. Pen., 2010, p. 451;
 " Sull' insufficienza del solo nesso causale per fondare la responsabilità, ex art. 586 c.p., per la morte del tossicodipendente", in La Rivista Neldiritto, 2009, n. 9, p. 1317;
"Sui limiti della responsabilità per colpa del committente in caso di infortuni del dipendente dell'appaltatore", in La Rivista Neldiritto, 2009, n. 9, p. 1314;
 Recensione del Corso di diritto penale. Parte Generale, II, Cedam, 2008, a cura del Prof. Adelmo Manna, in Ind. Pen., 2009, p. 871;
" Considerazioni sulla turbativa d'asta e sulla sussistenza della qualità di incaricati di pubblico servizio in capo ai preposti a una gara indetta da una S.p.a. concessionaria del comune", in Cass. pen., 2009, p. 1530;
"La nozione di profitto confiscabile alla luce dei recenti interventi delle Sezioni Unite", in La Rivista Neldiritto, 2009, n. 3, p. 353;
"L'agente provocatore nella l.n. 269/ 1998", in La Rivista Neldiritto, 2009, n. 2, p. 235;
Recensione del Corso di diritto penale. Parte Generale, I, Cedam, 2007, a cura del Prof. Adelmo Manna, in Indice penale, 2008, p. 419;
"Il delitto di assunzione di sostanze dopanti: al bivio tra disvalore d'azione e disvalore d'evento", in Cassazione penale, 2008, p. 2576;
" I rapporti tra l'art. 316- ter c.p. e gli artt. 640- 640- bis c.p.: al crocevia tra specialità e sussidiarietà", in Cassazione penale, 2007, p. 1092;
" Particolari disposizioni penali e processuali in materia di pedofilia e pedopornografia", in AA.VV., I reati sessuali. I reati di sfruttamento di minori e di riduzione in schiavitù per fini sessuali, a cura di Coppi, Giappichelli, 2007, p. 587;
"La Corte di cassazione ribadisce l'appartenenza del delitto di diffamazione alla classe dei reati con evento naturalistico", in Cassazione penale, 2006, p. 929, n. 03;
"Prosecuzione nell'attività di coltivazione di cave ed autorizzazione espressa: un tema che investe gli intricati rapporti tra norme penali e leggi regionali", in Cassazione penale, 2006, p. 1069, n. 03;
"La suprema Corte di cassazione alla prese con specialità, sussidiarietà e clausole di riserva" in Cassazione penale, 2005, p. 1267, n. 04;
"Malversazione a danno dello Stato: quid juris nell'ipotesi i cui i finanziamenti ottenuti siano utilizzati dal beneficiario per la soddisfazione di un interesse pubblico diverso rispetto a quello cui erano destinati" in Cassazione penale, 2004, p. 115, n. 01;
"Considerazioni in ordine ai rapporti tra l'art. 316- ter c.p. e l'art. 640- bis c.p.: quando l'ipertrofia normativa genera disposizioni in tutto o in parte inutili, in Cass. Pen., 2003, p. 2680;
"Prosecuzione nell'esercizio di cave e autorizzazione implicita: la legge regionale di fronte alla norma incriminatrice statuale, in Giurisprudenza Italiana, 2003, p. 749;
 " In tema di status giuridico degli impiegati dell'ente poste addetti a servizio di risparmio, in Giurisprudenza Italiana, 2002, p. 1467;
 Sulla bancarotta documentale", in Cassazione penale, 2001, p. 659;
"Sulla bancarotta per distrazione in favore di altre società del gruppo", in Cassazione Penale, 2001, p. 663.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto