Antonio Mutti
Università di Parma
Dipartimento di Clinica Medica, Nefrologia e Scienze della Prevenzione

Antonio Mutti si è laureato con lode in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Parma nel 1974, si è specializzato con lode in Medicina del Lavoro nel 1977 ed ha svolto la sua carriera interamente nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma, che nell’aprile 2000 lo ha chiamato a ricoprire un posto di ruolo di professore di prima fascia di Medicina del Lavoro. È titolare di diversi insegnamenti presso il corso di laurea in Medicina e Chirurgia, le Scuole di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Medicina Interna e Radioterapia ed il Corso di Laurea per le Professioni Biomediche in Tecniche di Laboratorio Biomedico. Responsabile del Laboratorio di Tossicologia Industriale, è Coordinatore del Comitato Scientifico dell’Azienda Ospedaliera integrata con l’Università di Parma.
Membro di diverse società scientifiche, dal 1990 al 1996 è stato Segretario e dal 1997 al 2003 Presidente del Scientific Committee on Occupational Toxicology della International Commission on Occupational Health. Dal 2003 è Presidente della Sezione Emiliano-Romagnola della Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale.
Dal 1989 ha più volte collaborato come consulente o esperto con la Commissione Europea e, come Consigliere temporaneo, con l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Dal 1996 al 2000 è stato delegato del Rettore per Relazioni Internazionali e Programmi di Ricerca Biomedicina e Sanità. Dal 2000 è Presidente della Commissione di Ateneo per l’assistenza al personale. È Project Leader o Coordinatore locale di numerosi progetti finanziati dalla Commissione Europea, dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e del National Heart, Lung and Blood Institute (National Institutes of Health, Bethesda, USA).
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto