Gilda Ferrando
Università degli Studi di Genova
Dipartimento di Giurisprudenza

Nata a Genova il 14 giugno 1949, è, dal settembre 2001, professore ordinario di Istituzioni di diritto privato presso la Facoltà di Economia dell'Università di Genova. Tiene inoltre il Corso di Diritto dell’informatica presso ma medesima Facoltà, il corso di Diritto di famiglia e delle successioni presso la Facoltà di Giurisprudenza e il corso di Diritto privato presso la Scuola di specializzazione in medicina legale della Facoltà di Medicina. In precedenza è stata professore associato di Istituzioni di diritto privato presso la Facoltà di Economia dell'Università di Genova (1994-2001), professore associato di Istituzioni di diritto privato presso la Facoltà di Economia e commercio dell’Università di Bergamo (1991-1994) e professore associato di Diritto di famiglia presso la Scuola di Specializzazione in Diritto civile della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Camerino (1990-1991). Ha inoltre svolto per supplenza il Corso di Diritto privato presso il Diploma Universitario di Servizi Sociali della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Genova (A.A. 1995-1998) ed il corso di Istituzioni di diritto privato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Genova (A.A. 1998-2000). Negli anni 1992 - 1994 e 1999-2001 è stata membro del Comitato Nazionale per la Bioetica, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Fa parte della direzione delle riviste Familia. Famiglia e successioni in Europa e La nuova giurisprudenza civile e commentata. Nell'ambito dell'attività di ricerca ha approfondito in special modo i diritti delle persone, con particolare riferimento alla bioetica e al biodiritto, il diritto di famiglia, il contratto, la responsabilità civile. È autrice di numerose pubblicazioni, ha svolto relazioni a convegni nazionali e internazionali.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto