Marco Fasolo
Sapienza Università di Roma
Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura (DISDRA)

Architetto, professore associato dal 2007 presso la Facoltà di Architettura “Ludovico Quaroni” dell’ Università di Roma “Sapienza” dove insegna Disegno e Fondamenti e Applicazioni di Geometria descrittiva. Dedica la sua attività di studio e di ricerca alle discipline della Rappresentazione occupandosi con particolare interesse degli studi geometrici senza trascurare gli aspetti storici della rappresentazione e si dedica ad esperienze di rilevamento architettonico sia tradizionali che di innovazioni informatiche. I suoi principali campi di ricerca spaziano dall’approfondimento teorico applicativo nel campo del Quadraturismo allo studio dei modelli informatici per l’architettura, alla loro integrazione e trasformazione in relazione al rilievo e al progetto. Partecipa a varie ricerche finanziate dal Miur, dalla Sapienza e dalla Facoltà di Architettura. Numerose sono le attività di rilevamento, diretto, fotogrammetrico e mediante scansione laser tridimensionale, al riguardo si ricordano, tra l’altro, le applicazione di indagine sul Colosseo e sulla Colonna Traiana a Roma, il Tempio di “Poseidone a Paestum e la Chiesa di S. Luigi dei Francesi sempre a Roma. Interviene con comunicazioni, a congressi e conferenze quali: "Tecniche di trasposizione del disegno nei dipinti murali" Roma 1999; "Prospettive" Pescara 2000;“Architettura e Stereotomia: Tradizione e Innovazione – Giornata di studi sull’Architettura in pietra da taglio” Bari 2002; “L’Architettura dell’inganno. Quadraturismo e grande decorazione nella pittura di età barocca” Rimini 2002; “L’insegnamento della Geometria descrittiva nell’era dell’informatica” Roma 2003. È autore e co-autore di numerose pubblicazioni riguardanti i suoi interessi di studio.
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto